Comune dell'Aquila

Fondi per la ricostruzione, il Sindaco Cialente: "Le notizie da Roma appaiono meno drammatiche, ma dobbiamo insistere"

Pattern_leggero
Canale
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro account Twitter Entra nel nostro canale YouTube
Stemma Comune di L\'Aquila
Notizie
Ti trovi in: Home » Amministrazione » Notizie » lettura Notizie e Comunicati

Immagini dalla galleria

L'Amphisculpture di Beverly Pepper
Anche Roberto Benigni all'inaugurazione
La Basilica di Santa Maria di Collemaggio
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
Il Parco del Sole
La lettera dei Cardinali del 1294 con cui Pietro Angelerio veniva invitato ad accettare la nomina a Papa (27 agosto)
"Roma incontra L'Aquila" (27 agosto)
L'Orchestra Mozart, diretta dal Maestro Abbado (3)
Gli ultimi istanti della ricorrenza annuale del primo Giubileo della storia (29 agosto)
I Cantieri dell'Immaginario
Il Piano per le emergenze
URP telematico
Anagrafe on line
Come fare per
Banca dati emergenza
WEBMAIL INTERNA
Sito Accessibile
Fascicolo del cittadino
L'Aquila Include
Digital'Aq
stazione appalti
Censimento permanente 2018-2021
Sistema Informativo Territoriale
SPORTELLO TELEMATICO SUAP
Sportello Unico Edilizia
Pums
05-06-2013
Fondi per la ricostruzione, il Sindaco Cialente: "Le notizie da Roma appaiono meno drammatiche, ma dobbiamo insistere"
 

Le notizie che arrivano da Roma, questo pomeriggio, tracciano indubbiamente un quadro meno oscuro di quello che si andava delineando nelle prime ore della mattina, quando il Governo bocciava pretestuosamente tutti gli emendamenti proposti dal Comune dell’Aquila per poter affrontare le emergenze legate, in particolare, all’assistenza alla popolazione.
Di questo devo ringraziare soprattutto il Sottosegretario Legnini, che ha compreso la gravità della situazione anche dell’ordine pubblico che si andava delineando a L’Aquila e la Senatrice Stefania Pezzopane, che ha inchiodato i lavori della commissione bilancio sui nostri emendamenti, mentre si susseguivano frenetici incontri e contatti telefonici con il Governo e la Ragioneria dello Stato.
Nell’esprimere soddisfazione per questi risultati, devo rimarcare che questo altalenare di promesse o di posizioni contrarie, ci costringe ad un lavoro massacrante e snervante, ben diverso dal trattamento che è stato riservato alla vicenda Emiliana e che ha trovato tutt’altra solidarietà istituzionale.
Per quanto riguarda l’emendamento di 1,2 mld spalmato su 6 anni devo rilevare che, a tutt’ora, non è ancora chiaro se i proventi dell’aumento delle marche da bollo relative al 2013 pari a 98mln di euro siano stati assegnati al finanziamento delle missioni militari all’estero oppure siano stati assegnati al Cratere.
Ciò non toglie che io debba esprimere ancora la mia insoddisfazione nel segnalare, per l’ennesima volta, la necessità assoluta che una parte del miliardo e 2 ( che ricordo essere stata da me chiesta per il Cratere quando al Comune dell’Aquila occorrono subito 800 mln ) debba essere resa anticipabile con cassa e competenza negli anni 2013-14 e 15, unico modo per rispettare il crono programma del Comune dell’Aquila, crono programma condiviso dal Presidente Letta che si è impegnato a rispettarlo finanziandolo di anno in anno per la somma prevista.
Altrimenti, 200mln l’anno, in 6 anni, saranno del tutto insufficienti per ricostruire in tempi compatibili con le scelte di vita e le speranze dei cittadini.
Ribadisco che l’accordo sottoscritto la settimana scorsa al Senato tra me ed il Governo, oltre il finanziamento di 1 mld e 2, prevedeva questa possibilità attraverso un meccanismo di anticipazione bancaria, di cifre peraltro modeste, da concedere direttamente ai proprietari delle case.
L’emendamento era stato presentato per conto del Governo direttamente dal relatore Esposito ma la Ragioneria dello Stato, quindi il Ministero dell’Economia, hanno fatto marcia indietro. Non va bene.
La previsione di una parziale anticipazione è aspetto centrale, poiché il Comune dell’Aquila è ormai nelle condizioni di dare avvio, quest’anno a cantieri per oltre 2 miliardi di euro già sulla base dei soli progetti presentati ed in gran parte già approvati ai primi del mese di maggio.
Ritengo, quindi, che in questi giorni e nel passaggio del testo alla Camera dei Deputati , dovremo continuare ad insistere perché al Comune dell’Aquila vengano
anticipati 300 milioni per quest’anno e 100 milioni nel 2014 ed altri 100 milioni nel 2015.
Per questo motivo invito tutti i cittadini aquilani a mantenere uno stato di vigilanza e mobilitazione.
Questa mattina, con l’On. Lolli, abbiamo incontrato il vice Ministro dell’Economia, Stefano Fassina che ha la delega per la cassa depositi e prestiti e con il quale abbiamo avviato il ragionamento di come recuperare il meccanismo del mutuo dello Stato con la cassa stessa. Nel convenire che questo meccanismo sia l’unico che potrà assicurare nei prossimi 5 anni l’arrivo di finanziamenti certi e costanti, si è deciso che sarà necessario avviare da subito una riflessione con il Ministro per gli Affari Europei Moavero Milanesi, per concordare quali passi il Governo dovrà intraprendere presso la Commissione Europea, al fine di ottenere che, in caso di gravi calamità naturali, le somme necessarie per le ricostruzioni non rientrino nel calcolo del debito pubblico e nei vincoli del patto di stabilità.”

Il Sindaco
Massimo Cialente

 


Condividi questo contenuto

Immagini correlate

I Cantieri dell'Immaginario
I Cantieri dell'Immaginario
I Cantieri dell'Immaginario
I Cantieri dell'Immaginario
I Cantieri dell'Immaginario
Festa di San Sebastiano, patrono dei Vigili Urbani

Comune di L’Aquila - Via San Bernardino - Palazzo Fibbioni - 67100 L’Aquila - Telefono +39.0862.6451
Posta Elettronica Certificata: protocollo@comune.laquila.postecert.it
Partita iva: 00082410663 - Codice fiscale 80002270660
Responsabile del Procedimento di Pubblicazione
Il portale del Comune di L’Aquila è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune dell'Aquila è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A.