Comune dell'Aquila

Parcheggio di Collemaggio, l'assessore Mannetti: "Troppo situazioni negative per l'amministrazione e la città, revoca della concessione inevitabile; bando pubblico per affidamento, con riassunzione dei dipendenti M&P"

Pattern_leggero
Canale
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro account Twitter Entra nel nostro canale YouTube
Stemma Comune di L\'Aquila
Notizie
Ti trovi in: Home » Amministrazione » Notizie » lettura Notizie e Comunicati

Prossimi eventi

de historia
Dal 22-10-2019
al 24-10-2019

Immagini dalla galleria

Il Corteo Storico della Bolla arriva al piazzale di Collemaggio (28 agosto)
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
Il Parco del Sole
Gli sbandieratori a piazza Duomo (25 agosto)
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
I Cantieri dell'Immaginario
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
Il concerto di chiusura di Gianluca Grignani (29 agosto)
Il Piano per le emergenze
URP telematico
Anagrafe on line
Come fare per
Banca dati emergenza
WEBMAIL INTERNA
Sito Accessibile
Fascicolo del cittadino
L'Aquila Include
Digital'Aq
stazione appalti
Censimento permanente 2018-2021
Sistema Informativo Territoriale
SPORTELLO TELEMATICO SUAP
Sportello Unico Edilizia
Pums
05-03-2019
Parcheggio di Collemaggio, l'assessore Mannetti: "Troppo situazioni negative per l'amministrazione e la città, revoca della concessione inevitabile; bando pubblico per affidamento, con riassunzione dei dipendenti M&P"
 
Conferenza stampa parCollemaggio

“Proposte che non hanno avuto risposte e troppe situazioni negative che, senza la collaborazione della società di gestione, non era possibile risolvere”. L’assessore alla Mobilità dell’Aquila, Carla Mannetti, ha commentato così la decisione della Giunta comunale che, con la deliberazione n. 95 di ieri, 4 marzo, ha fornito l’indirizzo per la risoluzione del contratto con la M&P, la società che ha in concessione il parcheggio di Collemaggio, dove, oltre alla sosta delle auto, si trova il terminal degli autobus urbani ed extraurbani.

Nel corso di una conferenza stampa che ha tenuto stamani, Mannetti – supportata dal dirigente del settore Rigenerazione urbana e Mobilità, Domenico de Nardis, e dai dipendenti dello stesso settore Fabrizio De Carolis, Elvira Damiani e Sandro Tosone – ha ripercorso l’evoluzione del rapporto contrattuale con M&P subito dopo il sisma del 2009. “La concessione fu sospesa dal Comune, in accordo con la società stessa – ha dichiarato – ma, una volta riaperto, il terminal di Collemaggio ha ripreso a funzionare regolarmente, a parte il collegamento meccanizzato con piazza Duomo, e già questa è una prima anomalia. Senza che vi fosse un atto da parte del proprietario del complesso, e cioè il Comune, il gestore aveva regolarmente ripreso a introitare canoni per gli utilizzi degli stalli per i bus e le tariffe per le auto che sostavano nel parcheggio. L’Avvocatura comunale, interpellata in proposito, era stata del parere o di ripristinare la convenzione per il concessionario per il tempo residuo; nell’anno del terremoto mancavano circa due anni a termine del rapporto con il gestore. Oppure di risolvere il contratto”.

“Con la delibera di Giunta n. 597 del 29 dicembre 2017 – ha proseguito Mannetti – l’amministrazione comunale aveva deciso, tra l’altro, di costituire un gruppo di lavoro che approfondisse la questione del parcheggio di Collemaggio, sotto tutti i punti di vista. I dipendenti comunali di tale gruppo hanno svolto un operato encomiabile, preciso, puntuale e vanno ringraziati per questo”.

L’assessore alla Mobilità ha snocciolato le cifre che sono emerse dall’analisi in questione. “Il concessionario ha un debito tributario accertato con il Comune per 1 milione e 385mila euro (tassa sui rifiuti, con le varie denominazioni che ha assunto negli anni, e tasi). Inoltre – ha proseguito – deve all’Ente alcuni canoni di concessione previsti dal contratto, 77mila euro circa per quelli fissi e oltre 277mila per quelli variabili, vale a dire il 20% degli introiti. Ma il gruppo di lavoro non si è limitato a determinare i debiti, ma anche i crediti vantati dalla società nei confronti del Comune per i lavori effettuati, che sono stati stimati complessivamente in 479mila euro, di cui 124mila autorizzati dall’ente e già liquidati a M&P e altri 355mila (tra interventi per la riparazione dei danni post sisma e opere di miglioria) non concordati con l’amministrazione, ma di cui i tecnici del gruppo di lavoro hanno verificato l’effettiva realizzazione”.

“Con questi dati – ha detto ancora l’assessore Mannetti – abbiamo avviato un confronto con la società, ma, dopo un anno, ci siamo resi conto che non c’era alcuna volontà di quest’ultima di trovare un accordo. Tutto ciò che M&P voleva era il ripristino dei parcheggi a pagamento, quando fin dalla campagna elettorale, e poi, ovviamente, anche dopo aver vinto le elezioni, avevamo sempre detto di essere contrari a questa soluzione, primo perché non ritenevamo e non riteniamo giusto che, in una città terremotata, si dovessero gravare i cittadini di un ulteriore balzello, e poi perché tale soluzione era oggettivamente impraticabile. La polizia municipale ha emanato quasi mille ordinanze di modifiche al transito, di chiusure di strade o piazze per la progressiva apertura dei cantieri della ricostruzione; in questa condizione è impossibile definire in modo certo e duraturo un’area con sosta a pagamento dentro le mura civiche. Diverso, ovviamente, il discorso fuori dal centro storico, dove è possibile individuare delle zone per la sosta a pagamento.”.

Mannetti ha inoltre aggiunto come, in seguito ad alcuni sopralluoghi, la struttura abbia evidenziato delle significative forme di degrado “senza considerare – ha aggiunto – il suo sostanziale inutilizzo da parte dell’utenza. Il parcheggio di Collemaggio dispone di 625 posti auto ed è semideserto; la sosta a pagamento non solo non può essere istituita per i parcheggi a raso, ma deve essere rivista al ribasso anche la tariffa del parcheggio di Collemaggio per incentivare gli automobilisti a usarlo ed è una delle misure che valuteremo di attuare una volta ripresa la struttura. Non ci saranno soluzioni di continuità: una volta riacquisito il terminal garantiremo il servizio con la società partecipata Ama, in attesa dell’espletamento della gara per il nuovo affidamento della gestione”.

A proposito del bando di gara, l’assessore Mannetti ha precisato che verrà inserita la clausola sociale che comporterà, da parte del nuovo gestore, l’obbligo di riassumere il personale di M&P “che peraltro, stando a quanto ci risulta, avanza alcuni stipendi”. “Nei prossimi giorni – ha concluso Mannetti – incontreremo i sindacati e la Confcommercio, che proprio oggi ha chiesto un confronto con l’amministrazione comunale su questo argomento”.

 


Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Festa di San Sebastiano, patrono dei Vigili Urbani
I Cantieri dell'Immaginario
I Cantieri dell'Immaginario
I Cantieri dell'Immaginario
Festa di San Sebastiano, patrono dei Vigili Urbani
I Cantieri dell'Immaginario

Comune di L’Aquila - Via San Bernardino - Palazzo Fibbioni - 67100 L’Aquila - Telefono +39.0862.6451
Posta Elettronica Certificata: protocollo@comune.laquila.postecert.it
Partita iva: 00082410663 - Codice fiscale 80002270660
Responsabile del Procedimento di Pubblicazione
Il portale del Comune di L’Aquila è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune dell'Aquila è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB Srl www.internetsoluzioni.it