Comune dell'Aquila

Intitolazione di un picco del Gran Sasso al cardinale Carlo Confalonieri, lunedì la cerimonia

Pattern_leggero
Canale
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro account Twitter Entra nel nostro canale YouTube
Stemma Comune di L\'Aquila
Notizie
Ti trovi in: Home » Amministrazione » Notizie » lettura Notizie e Comunicati

Immagini dalla galleria

Gli ultimi istanti della ricorrenza annuale del primo Giubileo della storia (29 agosto)
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
Il Parco del Sole
Anche Roberto Benigni all'inaugurazione
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
Gli sbandieratori a piazza Duomo (25 agosto)
Il Parco del Sole
L'omaggio alle spoglie mortali del Papa Santo (28 agosto)
Il Parco del Sole
I Cantieri dell'Immaginario
Il Piano per le emergenze
URP telematico
Anagrafe on line
Come fare per
Banca dati emergenza
WEBMAIL INTERNA
Sito Accessibile
Fascicolo del cittadino
L'Aquila Include
Digital'Aq
stazione appalti
Censimento permanente 2018-2021
Sistema Informativo Territoriale
SPORTELLO TELEMATICO SUAP
Sportello Unico Edilizia
Pums
01-08-2019
Intitolazione di un picco del Gran Sasso al cardinale Carlo Confalonieri, lunedì la cerimonia
 

Con una cerimonia prevista lunedì 5 agosto, verrà ufficializzata l’intitolazione di un picco del Gran Sasso a Carlo Confalonieri, arcivescovo dell’Aquila dal 1941 al 1950 e dunque nel tragico periodo della seconda guerra mondiale e dell’occupazione nazista, e nei difficili anni immediatamente successivi al confitto bellico.

Il programma dell’iniziativa è stato illustrato stamani in Comune dal consigliere comunale delegato alle Politiche per la Montagna, Daniele D’Angelo, dal presidente dell’associazione sportiva “I Corridori del cielo”, Paolo Boccabella, dallo storico Walter Cavalieri e dal responsabile dell’ufficio regionale e della diocesi dell’Aquila delle comunicazioni sociali, don Claudio Tracanna.

La cerimonia sarà dunque il momento più solenne di un percorso avviato la scorsa primavera, quando la giunta comunale dell’Aquila, aderendo a una proposta avanzata dai “Corridori del Cielo”, approvò la delibera per l’intitolazione. L’iniziativa inoltre si svolgerà inoltre nello stesso giorno in cui, 78 anni fa, Confalonieri – nominato poi cardinale da Giovanni XXIII nel 1958, decano del Sacro Collegio dal 1977 e scomparso nel 1986 – fu accompagnato sul Gran Sasso in un’ascensione che raggiunse proprio il piccolo oggi a lui intitolato.

“Il cardinale Confalonieri – ha ricordato il consigliere D’Angelo – è stato una delle personalità più insigni della nostra città. Gli aiuti dati alla sofferente popolazione nel corso della tragedia della seconda guerra mondiale vengono ricordati ancora oggi. Mi auguro che tutti gli appassionati della montagna e quanti più aquilani possibile partecipino alla cerimonia. I ritrovi saranno a Fonte Cerreto, per chi vorrà salire con la funivia, o direttamente a Campo Imperatore.  Da lì si arriverà al rifugio Duca degli Abruzzi, dove sarà affissa la copia della pergamena che ricorda la salita dell’arcivescovo cardinale Confalonieri e poi si arriverà fino al picco dove verrà apposta la targa dell’intitolazione”.

Paolo Boccabella ha ripercorso le tappe che hanno consentito alla sua associazione di formalizzare la proposta di intitolazione. “Grazie alla pergamena reperita negli archivi della sezione di Roma del Club Alpino Italiano – ha osservato – e ai documenti custoditi nella biblioteca dell’Arcidiocesi dell’Aquila, è stato possibile ricostruire quell’episodio. Non va dimenticato che il cardinale Confalonieri era stato segretario di Papa Pio undicesimo, che aveva una grande passione per la montagna, tanto da essere definito il Papa Alpino”.

Carlo Confalonieri è stato definito “Un campione della resistenza ‘disarmata’ o ‘bianca’”  dal professor Walter Cavalieri. “L’intitolazione del picco del Gran Sasso è un riconoscimento significativo a colui che ebbe un ruolo decisivo a vantaggio degli aquilani soprattutto dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 e nel corso della successiva occupazione – ha spiegato Cavalieri, autore di diversi testi storici su quanto accaduto in città e nel territorio nel corso della seconda guerra mondiale – e il capoluogo d’Abruzzo gli aveva già tributato un doveroso omaggio con il conferimento della cittadinanza onoraria. In quel periodo terribile era considerato da tutti come l’unica autorità, vista la situazione estremamente confusa che si viveva. Non fu un caso che il direttore dell’Officina carte valori della Banca d’Italia (la Zecca di Stato) gli affidò gli stampi dopo il bombardamento dell’8 dicembre 1943. A lui si deve, tra le altre cose, la mancata distruzione di alcune strutture della città che i tedeschi avevano programmato di far esplodere prima di lasciare L’Aquila nell’imminenza del sopraggiungere degli alleati nel giugno 1944”.

Don Claudio Tracanna celebrerà la funzione religiosa nella chiesetta della Madonna della Neve dopo la discesa dal Picco Confalonieri, su delega dell’arcivescovo dell’Aquila, il cardinale Giuseppe Petrocchi. “Sua Eminenza Petrocchi – ha aggiunto – celebrerà un’altra messa nella stessa chiesa il 13 agosto”.

 


Condividi questo contenuto

Immagini correlate

Festa di San Sebastiano, patrono dei Vigili Urbani
Festa di San Sebastiano, patrono dei Vigili Urbani

Comune di L’Aquila - Via San Bernardino - Palazzo Fibbioni - 67100 L’Aquila - Telefono +39.0862.6451
Posta Elettronica Certificata: protocollo@comune.laquila.postecert.it
Partita iva: 00082410663 - Codice fiscale 80002270660
Responsabile del Procedimento di Pubblicazione
Il portale del Comune di L’Aquila è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune dell'Aquila è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it