Comune dell'Aquila

Premio nazionale del Paesaggio: Amphisculpture di Beverly Pepper rivece una menzione speciale

Pattern_leggero
Canale
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro account Twitter Entra nel nostro canale YouTube
Stemma Comune di L\'Aquila
Notizie
Ti trovi in: Home » Amministrazione » Notizie » lettura Notizie e Comunicati

Immagini dalla galleria

La chiusura della Porta Santa (29 agosto)
Il concerto di chiusura di Gianluca Grignani (29 agosto)
Il concerto inaugurale
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
L'Orchestra Mozart, diretta dal Maestro Abbado (1)
Il Parco del Sole
Il Parco del Sole
La fiaccola del Fuoco del Morrone, simbolo di pace, viene consegnata al Sindaco Massimo Cialente (23 agosto)
varsavia1
Il Corteo storico della Bolla attraversa la città (28 agosto)
Il Piano per le emergenze
URP telematico
Anagrafe on line
Come fare per
Banca dati emergenza
WEBMAIL INTERNA
Sito Accessibile
L'Aquila Include
Censimento permanente 2018-2021
stazione appalti
Sistema Informativo Territoriale
SPORTELLO TELEMATICO SUAP
Sportello Unico Edilizia
Pums
14-03-2019
Premio nazionale del Paesaggio: Amphisculpture di Beverly Pepper rivece una menzione speciale
 

Amphisculpture, l’opera donata alla città dell’Aquila dall’artista Beverly Pepper e inserita nel contesto naturalistico del Parco del Sole, ha ricevuto una menzione speciale nella selezione per il Premio nazionale del Paesaggio e per il Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa.

Il riconoscimento è stato consegnato dalla professoressa Daniela Esposito, docente alla facoltà di Architettura dell’Università di Roma La Sapienza, alla presenza del ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli, al sindaco Pierluigi Biondi, affiancato dalla soprintendente Archeologia belle arti e paesaggio per L’Aquila e il cratere Alessandra Vittorini,  nel corso di una solenne e partecipata cerimonia tenutasi stamani nella sede del Mibac.

La Menzione speciale è stata assegnata, in particolare, “per l’azione di valorizzazione del paesaggio di margine del centro storico, all’interno delle strategie di ricostruzione post sisma, in cui l’arte contemporanea reinterpreta il significato simbolico e sociale dei luoghi colpiti dal terremoto del 2009, favorendo il processo di riappropriazione della città da parte dei suoi abitanti”.

Sono state dieci, in tutto, su 130 progetti, le menzioni speciali, tra cui il Parco lombardo della Valle del Ticino, il parco naturale regionale delle “dune costiere da torre Canne a torre San Leonardo (Br)” e la fascia costiera di Chia.

La candidatura di Amphisculpture al prestigioso riconoscimento è stata promossa dal Comune dell’Aquila e dalla Soprintendenza e sostenuta da un dossier cui hanno lavorato esperti di patrimonio culturale e di comunicazione in rappresentanza di entrambe le istituzioni (Letizia Tasso, Tancredi Farina, Saverio Ricci, Corrado Marsili, Giovanna Ceniccola per la Soprintendenza e Simona Malavolta per il Comune dell’Aquila), coordinati dalla soprintendente Vittorini.

In questa edizione sono pervenute al Ministero 130 proposte di candidature per altrettanti progetti italiani, valutati da una commissione Mibac.

Il riconoscimento mira a “premiare iniziative concrete ed esemplari per il raggiungimento degli obiettivi di qualità paesaggistica nel territorio”.

“È con profonda emozione e viva soddisfazione che ricevo questo premio. - ha dichiarato il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi - Ringrazio la Soprintendenza Archeologia, Belle arti e paesaggio per L’Aquila e il cratere e quanti hanno lavorato al dossier per la candidatura. Questo riconoscimento ci apre nuove strade di cooperazione e di sinergia a livello europeo, elemento fondamentale e strategico per costruire la città della conoscenza che sarà L’Aquila del prossimo futuro. Amphisculpture rappresenta un esempio di opera d’arte inserita nel paesaggio, in un dialogo che si fa ricucitura tra passato e presente. Costituisce l’immagine plastica della memoria di una tragedia, il terremoto, in seguito alla quale è stata ideata, e al contempo la ricostruzione di un futuro. Ma è anche un’opera che risponde all’esigenza della comunità di ritrovare i suoi luoghi e che rappresenta un esempio di collaborazione virtuosa tra pubblico e privato, poiché è stata realizzata grazie a Eni, con la direzione dei lavori a cura della Soprintendenza”.

“La candidatura di Amphisculpture - sono le parole della soprintendente Alessandra Vittorini - è stata per noi l’ennesima sfida, impegnativa ed esaltante al tempo stesso. In questi anni  la Soprintendenza ha condotto un lavoro rigoroso, complesso e faticoso per la ricostruzione di un patrimonio monumentale che rappresenta per la città, al di là del suo pregevolissimo valore artistico e storico, un bene identitario, su cui si basa l’idea stessa di comunità. Per questa ragione siamo impegnati anche nella promozione del suo valore e del lavoro di restauro e recupero condotto in questi anni sotto la direzione degli uffici Mibac. Stiamo rilevando un’attenzione a livello nazionale e internazionale, che sosteniamo attraverso convegni, seminari, conferenze, collaborazioni con università italiane e straniere, visite di team di esperti. Crediamo fermamente, infatti, che proiettare questo patrimonio sulla ribalta internazionale sia il miglior investimento per una vera rinascita”.

Amphisculpture nasce nell’ambito del progetto “Nove artisti per la ricostruzione”, ideato da Roberta Semeraro. L’opera è stata donata al Comune dell’Aquila dall’artista newyorchese Beverly Pepper, una delle massime esponenti della land art, e realizzata grazie a un finanziamento Eni, con un contribuito della Fondazione Carispaq. La direzione dei lavori è stata curata dalla Soprintendenza Archeologia Belle arti e Paesaggio per L’Aquila e il cratere con i funzionari architetti Corrado Marsili e Antonello Garofalo.

 


Condividi questo contenuto

Immagini correlate

L'Amphisculpture di Beverly Pepper
L'Orchestra Mozart, diretta dal Maestro Abbado (1)
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
Il Parco del Sole
Il Parco del Sole
L'Amphisculpture di Beverly Pepper

Comune di L’Aquila - Via San Bernardino - Palazzo Fibbioni - 67100 L’Aquila - Telefono +39.0862.6451
Posta Elettronica Certificata: protocollo@comune.laquila.postecert.it
Partita iva: 00082410663 - Codice fiscale 80002270660
Responsabile del Procedimento di Pubblicazione
Il portale del Comune di L’Aquila è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune dell'Aquila è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it