Comune dell'Aquila

Inaugurazione della Perdonanza Celestiniana, i messaggi del Sindaco Biondi e dell'Arcivescovo Giuseppe Petrocchi

Pattern_leggero
Canale
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro account Twitter Entra nel nostro canale YouTube
Stemma Comune di L\'Aquila
Notizie
Ti trovi in: Home » Amministrazione » Notizie » lettura Notizie e Comunicati

Immagini dalla galleria

Il Parco del Sole
Il pubblico al concerto dei Subsonica (23 agosto)
Festa di San Sebastiano, patrono dei Vigili Urbani
Anche Roberto Benigni all'inaugurazione
Il rito di chiusura della Porta Santa della Basilica di Collemaggio (29 agosto)
26 agosto
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
La fiaccola del Fuoco del Morrone, simbolo di pace, viene consegnata al Sindaco Massimo Cialente (23 agosto)
L'omaggio al Presidente della Repubblica
Il Piano per le emergenze
URP telematico
Anagrafe on line
Come fare per
Banca dati emergenza
WEBMAIL INTERNA
Sito Accessibile
Fascicolo del cittadino
L'Aquila Include
Digital'Aq
stazione appalti
Censimento permanente 2018-2021
Sistema Informativo Territoriale
SPORTELLO TELEMATICO SUAP
Sportello Unico Edilizia
Pums
24-08-2019
Inaugurazione della Perdonanza Celestiniana, i messaggi del Sindaco Biondi e dell'Arcivescovo Giuseppe Petrocchi
 

SALUTO DEL SINDACO DELL'AQUILA in occasione dell'inaugurazione della 725esima Perdonanza Celestiniana

Cittadine, cittadini dell’Aquila,

nel decennale del sisma ci apprestiamo a vivere un’edizione della Perdonanza nel segno della rinascita e di fiducia nel futuro.

La nostra comunità, unita e rafforzata dal messaggio celestiniano che ormai è parte del nostro dna, sta affrontando con tenacia e determinazione la sfida della ricostruzione e della riedificazione dell’animus della città.

La valenza spirituale dell’indulgenza celestiniana fu subito realtà, insieme al suo significato politico, dimostrandosi un’occasione per accrescere il potere economico e civile della città appena edificata, tanto che, questo straordinario evento, determinò un enorme beneficio per L’Aquila.

Celestino V è stato anche un raffinato visionario, donandoci una festa come la Perdonanza che racchiude in sé spiritualità e opportunità di crescita economica e sociale.

Una festa che, dallo scorso anno, come amministrazione comunale, stiamo arricchendo con nuove suggestioni artistiche e culturali e con momenti istituzionali dagli accenti più significativi.  

Il decennale non è solo il ricordo di quella terribile e dolorosa notte, ma è anche il Rinascimento che il capoluogo di regione vive e rivendica, con la forza della ragione e con l’energia del cuore, dell’amore per questa nostra terra bella e complicata.

Nel corteo della Bolla la citazione del decennale è affidata alla Dama della Bolla e al Giovin Signore. Infatti, la storia di Sara Luce e di Federico sono la esemplificazione del dolore e dello sgomento di quel 6 aprile 2009, come della volontà delle giovani generazioni di essere protagonisti della rinascita.

Una rinascita che ci auguriamo possa rafforzarsi con il parere positivo del Comitato intergovernativo che a dicembre, in Colombia, si esprimerà sulla candidatura a Patrimonio immateriale Unesco della Festa del Perdono.

Auguro a tutti voi di vivere questi giorni con pienezza e serenità nel solco dei valori che Papa Celestino V ci ha voluto consegnare. E nel suo nome e insieme a voi tutti:

dichiaro aperta la 725esima edizione della Perdonanza Celestiniana.

Pierluigi Biondi, sindaco dell'Aquila

 

SALUTO DEL CARD. PETROCCHI IN OCCASIONE DELLA ACCENSIONE DEL FUOCO DEL PERDONO

Vorrei sottolineare due aspetti della celebrazione che ci apprestiamo, insieme, ad avviare.

In primo luogo rinnovo l’invito, a tutti e a ciascuno, di impegnarsi a custodire e a promuovere “l’Anima” della Perdonanza, che è esperienza, ecclesiale e sociale, di riconciliazione e di comunione: con Dio, con se stessi e con gli altri. Dobbiamo mantenere una “vigilanza” interiore, attenta e severa, per evitare che la mente e il cuore siano “distratti” dal “centro di gravitazione”, spirituale e comunitario, di questo evento, finendo per disperdersi in iniziative di contorno, il cui fine è solo quello di essere “corona” festosa e riconoscente per il dono della misericordia, ricevuta e trasmessa.

In questa Perdonanza - seguendo l’esortazione di Papa Francesco - «lasciamoci sorprendere da Dio. Lui non si stanca mai di spalancare la porta del suo cuore per ripetere che ci ama e vuole condividere con noi la sua vita. La Chiesa sente in maniera forte l’urgenza di annunciare la misericordia di Dio. La sua vita è autentica e credibile quando fa della misericordia il suo annuncio convinto» (MV, n.25).

La Perdonanza è esperienza di conversione e di rinnovamento spirituale: scelta, radicata nella grazia, di vivere secondo il Vangelo. Tale “decisione” fondamentale consente di contribuire alla edificazione della Città di Dio e della Città dell’uomo: l’una “con” l’altra e l’una “per” l’altra.

Il secondo motivo di riflessione poggia sul tema della ricostruzione, attivata dopo il sisma del 2009, di cui ricorre il 10° anniversario. Anche su questo versante possiamo prendere Celestino V come maestro e compagno di viaggio.

Quando Pietro da Morrone fu eletto papa, L’Aquila era una città molto giovane, e si stava rialzando da una distruzione: prodotta dalla mano dell’uomo e non dalla natura. Infatti, era stata appena fondata (nel 1254), poi distrutta da Re Manfredi (nel 1259), che abbatté le mura cittadine, da poco edificate, e la rase al suolo. Nel 1266 era cominciata la ricostruzione. Celestino V conosceva bene i terremoti geologici e quelli umani. Sapeva edificare, sul piano edilizio come su quello comunitario: basta guardare la splendida Basilica di Collemaggio (1287) e l’espansione dell’Ordine religioso da lui fondato.

Era una città-cantiere, L’Aquila del suo tempo: come quella di oggi. Certo, le tecnologie sono diverse, ma lo spirito che percorre questa formidabile impresa è uguale: la stessa tenacia che non si arrende davanti alla devastazione, e riparte da capo, nonostante tutto! È identica la volontà di mobilitare le risorse, morali e civili, per ricostruire la Città nel cuore della gente, garantendo così che l’edificazione delle case avanzi in parallelo con la coscienza di essere un popolo compatto, che fà e non subisce la storia. Per ricostruire bene, perciò, occorre, alla scuola di Celestino V, promuovere la cultura della convergenza solidale e della condivisione, che presuppongono la logica del perdono e la disponibilità a progettare un futuro fraterno, abitato dall’amicizia e dalla speranza.

La consapevolezza dell’ “ancora da fare” non deve togliere la soddisfazione del “già fatto”. Mai dimenticare che la prima risorsa dell’Aquila sono gli Aquilani, se sanno essere uniti.

Nel quadro di questa interazione, da coniugare sempre al “plurale”, cioè nel segno del buon-“Noi”, bisogna aprire i “cantieri della concordia”, sostenuti da coraggiose e perseveranti idealità: religiose, politiche e culturali. Certamente la ricostruzione ha bisogno di “mani”, altrimenti sarebbe solo declamatoria e inconcludente. Le “mani”, però, rinviano alla “mente”, sennò l‘opera sarebbe inappropriata e maldestra. Ma le “mani” e la “mente” esigono un “cuore” pulsante: senza l’amore incondizionato per la Città, abbracciata nella sua interezza; senza la passione per il bene comune; senza la tensione a fissare gli sguardi verso la stessa meta, la ricostruzione sarebbe un’avventura che nasce “malata” e si sviluppa in modo deviante. Una ricostruzione “sana” e destinata a diventare sempre più feconda richiede forti “anticorpi” etici; capacità di coesione, lungimiranti e produttive; e grandi energie, profetiche e creative. Per questo l’Anima della Perdonanza è anche l’Anima della ricostruzione!

Il fuoco, che stasera accendiamo nel tripode, sia segno credibile del fuoco evangelico che arde dentro di noi: invochiamo Maria, Regina di L’Aquila, affinché - come a  Pentecoste - divampino in noi le fiamme dello Spirito di Verità e di Amore, che ci rendono testimoni del Signore crocifisso-risorto e, insieme con Lui, sapienti costruttori di una società prospera e a misura d’uomo.

È con questi pensieri e sentimenti che auguro a tutti e a ciascuno: “Buona Perdonanza”!

                                     

                                                                                     Giuseppe Card. Petrocchi

                                                                              Arcivescovo Metropolita dell’Aquila

 


Condividi questo contenuto

Eventi in agenda correlati

i cantieri dell\'immaginario 2019
Dal 06-07-2019
al 01-08-2019
san massimo 2018
Dal 08-06-2019
al 12-06-2019

Immagini correlate

Il Parco del Sole
Il Parco del Sole
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
Il concerto inaugurale
Anche Roberto Benigni all'inaugurazione
L'Amphisculpture di Beverly Pepper

Comune di L’Aquila - Via San Bernardino - Palazzo Fibbioni - 67100 L’Aquila - Telefono +39.0862.6451
Posta Elettronica Certificata: protocollo@comune.laquila.postecert.it
Partita iva: 00082410663 - Codice fiscale 80002270660
Responsabile del Procedimento di Pubblicazione
Il portale del Comune di L’Aquila è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune dell'Aquila č sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it