Comune dell'Aquila

Coronavirus, ripresa dell'attività dei cantieri; il sindaco Biondi: "Il Governo riconosca alle imprese i maggiori oneri dovuti dalle nuove regole per l'emergenza"

Pattern_leggero
Canale
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro account Twitter Entra nel nostro canale YouTube
Stemma Comune di L\'Aquila
Notizie
Ti trovi in: Home » Amministrazione » Notizie » lettura Notizie e Comunicati

Immagini dalla galleria

L'Amphisculpture di Beverly Pepper
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
La fiaccola del Fuoco del Morrone, simbolo di pace, viene consegnata al Sindaco Massimo Cialente (23 agosto)
Festa di San Sebastiano, patrono dei Vigili Urbani
Il pubblico al concerto di Grignani (29 agosto)
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
Il Parco del Sole
La lettera dei Cardinali del 1294 con cui Pietro Angelerio veniva invitato ad accettare la nomina a Papa (27 agosto)
Il Piano per le emergenze
URP telematico
Anagrafe on line
Come fare per
Banca dati emergenza
Gare e appalti
WEBMAIL INTERNA
Sito Accessibile
Fascicolo del cittadino
Digital'Aq
Censimento permanente 2018-2021
Sistema Informativo Territoriale
SPORTELLO TELEMATICO SUAP
Sportello Unico Edilizia
Pums
11-05-2020
Coronavirus, ripresa dell'attività dei cantieri; il sindaco Biondi: "Il Governo riconosca alle imprese i maggiori oneri dovuti dalle nuove regole per l'emergenza"
 

In questi anni abbiamo combattuto la battaglia per la sicurezza sismica. Il terremoto del 2009 è stato una specie di sveglia che ha investito l’Italia. L’Aquila, che nell’immaginazione dei più, giaceva rovinata dalle macerie, è oggi un laboratorio di restauro, architettura, ricerca, innovazione nelle costruzioni e mantiene il privilegio di essere osservata e presa a esempio. Tutto questo ha avuto un costo amaro ed è passato attraverso una crisi epocale per la nostra comunità. Oggi come allora, proprio per l’alta concentrazione di cantieri rispetto alla densità abitativa, siamo laboratorio. E affrontiamo una sfida esponenziale, rispetto alla condizione di “normalità”, estendibile con le dovute eccezioni al resto del Paese. L’emergenza da Covid-19, infatti, ha imposto tutta una serie di nuove incombenze che le imprese devono ottemperare per lavorare in sicurezza. E non si tratta dell’eterna, dibattuta questione “tampone-sì o tampone-no”, che qui all’Aquila è obbligatorio. Oltre ai tamponi, le prescrizioni governative chiedono l’applicazione di disposizioni di tutela e garanzia, individuale e di lavorazione, che cambiano radicalmente il processo di ricostruzione, di un appartamento come di un aggregato. Ciò aggrava di costi, evidentemente, qualunque cantiere: ci vogliono più cura, più personale, più tempo.
Dopo due mesi di fermo forzato, dunque, i ritmi saranno più rallentati. Per fare un paragone, basta pensare al tempo che impieghiamo per fare la spesa, al tempo che ci vuole per essere serviti (evidentemente non per incuria dei commessi). Il vero tema da porre all’attenzione dell’agenda delle priorità nazionali, dunque, è quello che di cui ho già investito il presidente Conte, il ministro De Micheli e il commissario per la ricostruzione del terremoto del Centro Italia, l’abruzzese Giovanni Legnini, il 20 aprile scorso, quando ho chiesto che alle imprese venissero riconosciuti i maggiori costi da sostenere in ragione della modifica delle regole di lavoro, non contemplati all’atto della progettazione nell’era ante Coronavirus. Solo questo sforzo, che deve essere nazionale e globale, salvaguarderà il principio di equità, consentirà ai cantieri di lavorare in tutela, garantirà remunerazione aziendale e sicurezza dei lavoratori. Il Comune dell’Aquila, in prospettiva, sta già provvedendo a proteggere la filiera. Lo ha fatto prorogando le scadenze di consegna e liquidando alle imprese, solo nel mese di marzo e aprile, quasi 50milioni di euro. Il nostro progetto di alleggerimento della burocrazia e garanzia di liquidità è in costante aggiornamento e “ascolta” il territorio. Ora tocca al governo, investire in sicurezza. Per tenere aperte, oggi, L’Aquila e l’Italia. Per farle ancora correre, domani".

 


Condividi questo contenuto

Comune di L’Aquila - Via San Bernardino - Palazzo Fibbioni - 67100 L’Aquila - Telefono +39.0862.6451
Posta Elettronica Certificata: protocollo@comune.laquila.postecert.it
Partita iva: 00082410663 - Codice fiscale 80002270660
Responsabile del Procedimento di Pubblicazione
Il portale del Comune di L’Aquila è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune dell'Aquila è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A.