Comune dell'Aquila

Consiglio comunale: via libera a modifica a regolamento Imu, riduzione tributi per emergenza, piano delle alienazioni, documento di programmazione e bilancio ex Onpi

Pattern_leggero
Canale
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro account Twitter Entra nel nostro canale YouTube
Stemma Comune di L\'Aquila
Notizie
Ti trovi in: Home » Amministrazione » Notizie » lettura Notizie e Comunicati

Immagini dalla galleria

Il Parco del Sole
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
26 agosto
Il concerto inaugurale
Il rito di chiusura della Porta Santa della Basilica di Collemaggio (29 agosto)
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
Le autorità e gli ospiti al concerto inaugurale
Il Parco del Sole
Il Corteo storico della Bolla attraversa la città (28 agosto)
Il Piano per le emergenze
URP telematico
SMARTSAL
Anagrafe on line
Come fare per
Banca dati emergenza
Gare e appalti
WEBMAIL INTERNA
Sito Accessibile
informagiovani - L'AQUILA
Open Data L'Aquila
Capitale europea dello sport 2022
Fascicolo del cittadino
Censimento permanente 2018-2021
Sistema Informativo Territoriale
SPORTELLO TELEMATICO SUAP
Sportello Unico Edilizia
Pums
09-04-2021
Consiglio comunale: via libera a modifica a regolamento Imu, riduzione tributi per emergenza, piano delle alienazioni, documento di programmazione e bilancio ex Onpi
 

Introducendo alcune modifiche al Regolamento per la disciplina dell’Imu e della tassa sui rifiuti, il Consiglio comunale dell’Aquila ha formalizzato stamani le riduzioni dei tributi per il 2021 proposte dalla Giunta in ragione alle difficoltà che si sono venute a creare per via dell’emergenza sanitaria da coronavirus.

In particolare, la tassa sui rifiuti (Tari) sarà ridotta del 70% per piscine, palestre e impianti sportivi, del 50% per ristoranti ed esercizi di ristorazione, birrerie, pizzerie, alberghi, teatri e cinema. Per tutte le altre attività, eccezion fatta per supermercati e farmacie (attività che hanno subìto meno l’incidenza del virus essendo rimaste aperte, alle quali comunque non è stato applicato nessun aumento), la detrazione Tari sarà del 25%. Per tutte le utenze domestiche, invece, sarà prevista una riduzione del 15% della Tari per le seconde case non abitate, per un minor introito di oltre 200mila euro per le casse comunali.

La Tari, le cui aliquote non cambieranno nel 2021 rispetto al 2020, potrà essere pagata in tre rate, con scadenza a fine settembre, ottobre e novembre di quest’anno, ma, se l’importo sarà al di sopra dei 1.000 euro, sarà possibile il versamento in 6 rate.

Quanto all’Imu, sconto della prima rata per alberghi e per immobili dove si svolgono attività turistiche e di spettacolo. In generale, le aliquote Imu resteranno invariate rispetto allo scorso anno, anche per quanto riguarda la detrazione di 200 euro per le abitazioni principali soggette all'imposta.

“Il raggiungimento di questi importantissimi risultati – ha spiegato l’assessore al Bilancio, il vice sindaco Raffaele Daniele – è stato reso possibile grazie a un confronto generale sia con i rappresentanti delle categorie produttive sia con l’opposizione in Consiglio comunale. Difficile trovare altrove una manovra così complessa e ampia; è stato fatto il massimo possibile per venire incontro alle esigenze di famiglie e operatori economici che stanno subendo i maggiori problemi per via delle restrizioni legate alla diffusione del covid-19, dando seguito alle legittime esigenze di chi è particolarmente colpito dalla pandemia, senza creare problemi al bilancio comunale e questa era una condizione assolutamente imprescindibile”.

Il Consiglio ha inoltre approvato un’altra delibera propedeutica al bilancio di previsione – la cui discussione è in programma nel tardo pomeriggio di oggi -, quella relativa alla verifica della qualità e quantità di aree e fabbricati da destinare alla residenza, alle attività produttive e terziarie, che potranno essere ceduti in proprietà o in diritto di superficie. In questo senso, l’Aula ha deliberato di confermare le procedure già varante in precedenti provvedimenti quanto alla possibilità di cedere in proprietà le aree comunali già concesse in diritto di superficie e destinate dal Piano regolatore generale a edilizia economica e popolare, ribadendo anche gli importi, da aggiornare in base agli indici Istat: zona 1 (comprendente il quartiere di Santa Barbara) 70 euro al metro quadrato, zona 2 (comprendente il quartiere di Pettino) 65 euro al metro quadrato, zona 3 (comprendente i quartieri di Cansatessa e Coppito) 60 euro al metro quadrato.

Via libera del Consiglio comunale anche al piano delle alienazioni e delle valorizzazioni degli immobili 2021-2023 di proprietà dell’Ente. Quelli previsti per la vendita, se saranno effettivamente venduti, dovrebbero portare nelle casse comunali circa 100 milioni di euro tra terreni e fabbricati. La delibera votata dall’assemblea è stata illustrata dall’assessore al Patrimonio, Fausta Bergamotto.

L’assise civica ha quindi approvato il Documento unico di programmazione (Dup) e il bilancio di previsione 2021-2023 del Centro servizi anziani (Csa), l’istituzione che gestisce la residenza dell’ex Onpi e che, in generale, si occupa dei servizi per la terza età.

Illustrando il provvedimento votato dal Consiglio, l’assessore alle Politiche sociali, Francesco Cristiano Bignotti, ha ricordato come la residenza per anziani ex Onpi sia accreditata per 40 posti letto per ultrasessantacinquenni non autosufficienti e 36 posti letto per autosufficienti (ridotti di 12 unità, concesse all’Asl per ospitare gli utenti della rsa di Montereale, inagibile in seguito al sisma dell’Italia centrale del 2017 e che dovrebbe riaprire i battenti il prossimo ottobre). “Non appena si potrà rientrare in possesso degli spazi attualmente affittati all’Asl per la rsa di Montereale – ha commentato Bignotti – sarà possibile ampliare la capacità di accogliere più ospiti e aumentare la qualità e quantità dei servizi resi”.

Approvato anche il bilancio di previsione 2021-2023 della stessa istituzione Csa, che ha un volume complessivo in entrata e in uscita di circa 11 milioni e 200mila euro nel triennio.

Il Consiglio sta ora dibattendo sul Dup e il bilancio di previsione 2021-2023 del Comune.

 


Condividi questo contenuto

Comune di L’Aquila - Via San Bernardino - Palazzo Fibbioni - 67100 L’Aquila - Telefono +39.0862.6451
Posta Elettronica Certificata: protocollo@comune.laquila.postecert.it
Partita iva: 00082410663 - Codice fiscale 80002270660
Responsabile del Procedimento di Pubblicazione
Il portale del Comune di L’Aquila è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune dell'Aquila è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A.