Comune dell'Aquila

Tutela del decoro e della vivibilità, integrata l'ordinanza del 7 giugno

Pattern_leggero
Canale
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro account Twitter Entra nel nostro canale YouTube
Stemma Comune di L\'Aquila
Notizie
Ti trovi in: Home » Amministrazione » Notizie » lettura Notizie e Comunicati

Immagini dalla galleria

L'Amphisculpture di Beverly Pepper
26 agosto
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
Il Parco del Sole
L'Amphisculpture di Beverly Pepper
varsavia5
Gli ultimi istanti della ricorrenza annuale del primo Giubileo della storia (29 agosto)
Il Corteo di rientro della Bolla (29 agosto)
varsavia3
La cerimonia di inagurazione (23 agosto)
Il Piano per le emergenze
URP telematico
SMARTSAL
Anagrafe on line
Come fare per
Banca dati emergenza
Gare e appalti
WEBMAIL INTERNA
Sito Accessibile
informagiovani - L'AQUILA
Open Data L'Aquila
Capitale europea dello sport 2022
Fascicolo del cittadino
Censimento permanente 2018-2021
Sistema Informativo Territoriale
SPORTELLO TELEMATICO SUAP
Sportello Unico Edilizia
Pums
10-06-2021
Tutela del decoro e della vivibilità, integrata l'ordinanza del 7 giugno
 

Biondi: "provvedimento più efficace dopo confronto con associazioni di categoria, Asm aumenterà raccoglitori differenziata" 

 

Il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi, ha emesso una nuova ordinanza per garantire in modo ancora più efficace la tutela del decoro e della vivibilità in città e nel territorio.

Partendo sempre dalle considerazioni che "in corrispondenza della stagione estiva e, in particolare, della classificazione della Regione Abruzzo all’interno della 'zona bianca', è da prevedersi un aumento dell’animazione e della partecipazione alla vita dei luoghi della cosiddetta 'movida'" e che tale fenomeno "determina in alcuni casi l’abuso di alcol che genera, come noto, comportamenti irriguardosi verso lo spazio pubblico, in termini di pulizia, di igiene, di attenzione verso gli arredi urbani, provocando una situazione di degrado avvilente per i residenti, i turisti e gli stessi gestori dei locali", il provvedimento firmato oggi stabilisce il divieto di consumare bevande alcoliche in ogni spazio pubblico del centro storico della città, senza limiti di orario. Tale divieto riguarda, in particolare, la Scalinata e i Portici di San Bernardino; Piazza Santa Maria di Paganica; Piazza Santa Margherita o dei Gesuiti; Piazza San Biagio; Piazza della Repubblica o della Prefettura; Piazza San Basilio; Piazza Nove Martiri.

Il divieto stesso si applica anche a tutte le aree di verde pubblico pertinenti il centro storico: Parco del Sole, Piazzale di Collemaggio, Parco del Castello, Villa Comunale, Porta Branconia, Parco UNICEF, Parco delle Acque. Non si estende invece alle aree e agli spazi appositamente attrezzati o adibiti alla somministrazione o al consumo di alimenti, incluse le aree in concessione ai pubblici esercizi autorizzati alla somministrazione e quelle immediatamente prospicienti a dette attività, fermo restando il divieto di consumare bevande in contenitori di vetro al di fuori del servizio al tavolo.

La sanzione in caso di mancato rispetto dell'ordinanza arriva fino a 500 euro.

“Questo provvedimento, che di fatto integra il precedente, è frutto del ragionamento e del confronto avuto nei giorni scorsi insieme al vice sindaco, Raffaele Daniele e all’assessore Fabrizio Taranta, con i rappresentanti delle associazioni di categoria. Riunione a cui ha partecipato anche Asm che ha assicurato l’implementazione dei contenitori per il vetro a servizio di bar, pub e ristoranti nonché un aumento delle attività di pulizia e sanificazione nei luoghi maggiormente frequentati dagli avventori della movida.

Dopo lunghi mesi di sacrifici ed essere entrati in zona bianca occorre mantenere comportamenti corretti. Al contempo le libertà ritrovate, le possibilità di incontro e la riscoperta socialità non possono pregiudicare il decoro cittadino né diventare un’occasione per eccedere, arrecando disturbo a residenti, a quanti scelgono di uscire per una semplice passeggiata e persino alle stesse attività commerciali che hanno bisogno di poter tornare a lavorare con serenità. La responsabilità individuale, ancor prima dei controlli delle Forze dell’Ordine, delle ordinanze o delle sanzioni, è la stella polare che deve guidare le condotte di chi vuole fruire del centro storico in tutte le sue articolazioni” dichiara il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi.

 


Condividi questo contenuto

Comune di L’Aquila - Via San Bernardino - Palazzo Fibbioni - 67100 L’Aquila - Telefono +39.0862.6451
Posta Elettronica Certificata: protocollo@comune.laquila.postecert.it
Partita iva: 00082410663 - Codice fiscale 80002270660
Responsabile del Procedimento di Pubblicazione
Il portale del Comune di L’Aquila è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune dell'Aquila è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A.