Sezione salto blocchi

Registrati ai servizi APP IO e ricevi tutti gli aggiornamenti dall'ente
APP IO

Consiglio comunale, approvato il bilancio consolidato del gruppo Comune dell'Aquila

27/09/2021

Il Consiglio comunale del capoluogo abruzzese ha approvato stamani il bilancio consolidato del gruppo Comune dell’Aquila, relativo al 2020. Si tratta dello strumento finanziario che scaturisce dai bilanci della MunicipalitÓ e dalle societÓ partecipate Ama, Afm, Centro Turistico del Gran Sasso e Sed (societÓ per azioni partecipate dall’ente al 100%), Asm (di proprietÓ comunale al 99,96%), Gran Sasso Acqua (controllata al 46,15%) e dall’Istituzione Centro Servizi Anziani.

Secondo quanto riportato nella documentazione relativa alla delibera illustrata dall’assessore al Bilancio, il vice sindaco Raffaele Daniele, il risultato d’esercizio 2020 passa da 7 milioni e 150mila euro circa del 2019 a oltre 24 milioni e mezzo di euro (quasi tutti ascrivibili al Comune, che ha chiuso con un risultato positivo di 22 milioni e mezzo di euro, come emerge dal rendiconto di gestione 2020 approvato a fine maggio dal Consiglio comunale), mentre il patrimonio netto, come si evince dallo stato patrimoniale, Ŕ pari a poco pi¨ di 1.100 milioni di euro.

“Il consolidato – ha spiegato il vice sindaco Daniele – evidenzia che Ama, Afm, Centro Turistico, Asm e Sed hanno chiuso l’esercizio 2020 in attivo e questo, sommato al tangibile miglioramento dei conti del Comune, testimonia che stanno arrivando i risultati positivi che volevamo raggiungere fin dall’inizio del mandato. Ci siamo trovati di fronte a una situazione estremamente difficile al momento dell’insediamento, ma le operazioni condotte sul bilancio comunale e in particolare sulle societÓ partecipate stanno permettendo piano piano di restituire serenitÓ agli strumenti finanziari”.

L’Aula ha inoltre dato il via libera alla quarta variazione al bilancio di previsione dell’Istituzione Centro Servizi Anziani, con la quale sono stati stanziati interventi per il miglioramento della casa albergo (la residenza protetta) per circa 600mila euro.

Argomenti

Condividi