Sezione salto blocchi

Registrati ai servizi APP IO e ricevi tutti gli aggiornamenti dall'ente
APP IO

Terremoto Siria Turchia: "Siamo pronti ad aiutare", il sindaco Biondi scrive alle ambasciate dei territori colpiti

comunicato
10/02/2023

“Siamo pronti ad aiutare, come siamo stati aiutati, a restituire quanto abbiamo imparato, a contribuire con la nostra esperienza alla ripresa della vita che deve continuare”, coś il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, in una missiva inviata alle ambasciate italiane di Siria e Turchia. Biondi, ha rivolto il pensiero della comunità alle popolazioni straziate dal terremoto e a quanti, in queste ore, sono impegnati nelle operazioni di soccorso. “Solidarietà, vicinanza e sostegno”, sono i sentimenti espressi dal primo cittadino che ha ricordato la tragedia che ha colpito il capoluogo d’Abruzzo e altri 56 comuni del cratere il 6 aprile 2009, evidenziando l’importanza del sostegno fornito dallo Stato, dagli italiani e dai Paesi di tutto il mondo che “si strinsero intorno al nostro dramma” contribuendo fattivamente al percorso di ricostruzione. 

In questi anni “abbiamo ospitato delegazioni straniere che cercavano nel nostro modello e nei nostri tecnici, risposte a simili vicende che, purtroppo, si ripetono - anche se con diversa veemenza - in ogni parte del globo. Abbiamo imparato cosa voglia dire dormire all’addiaccio, razionalizzare acqua e alimenti, e poi a rialzarsi”. 

Per questo, a nome dell’intera comunità locale “colpita profondamente dalla tragedia che ha sconvolto le comunità turca e siriana”, il sindaco ha messo a disposizione le competenze acquisite. 

Argomenti

Condividi